Comprare Vino: Incubo?

Da qualche mese mi sono trasferito a Milano e non ho ancora trovato il mio “Wine Place”, il posto in cui posso comprare del vino e fidarmi ad occhi chiusi dei consigli del venditore di turno. Non dico esperto perché alcuni lo sono, altri no, altri lo sono ma hanno il simbolo dell’€ che risplende cosi’ forte nei loro occhi, da farti capire che non ti puoi fidare. Questi ultimi guardano al risultato immediato, venderti una bottiglia (che sia buona o no chissenefrega), senza considerare una cosa per me fondamentale: sono un nuovo cliente ed un appassionato di vino, se sbagli un paio di colpi con me, nel tuo negozio non mi vedi piu’!

Saro’ stato anche sfortunato, ma ho girato 4-5 posti (i nomi li tengo per me, x carita’..) e son rimasto sempre deluso o dai vini che mi hanno propinato o dall’atteggiamento di chi me li ha “suggeriti”.

Ho beccato il venditore esperto, gran conoscitore di vino e pure alla mano, che pero’ mi ha venduto una bottiglia di Barbera del 2006 a 18 euro, ha generato in me tante aspettative esaltando il prodotto.. Buono? Aspro! Come una spremuta di prugne acerbe..

Ho trovato l’esperto che se la tira un po’, i vini son buoni, quando entri in quell’enoteca non ti senti a tuo agio e se ti capita di dover interagire col figlio del proprietario ti vien voglia di offrirgli un caffe’ ristretto doppio per farlo riprendere..

Sono stato dal simpaticone che mi ha fatto comprare una bottiglia di Cannonau andato a male, che puo’ capitare, ma come biglietto da visita non e’ il massimo…

Poi ecco l’apparizione, una bella enoteca in un vicolo del centro, prezzi interessanti e vini da tutte le regioni italiane e dall’estero. Provo i vini in offerta: Tutti andati a male! Stanchi, vecchi, imbevibili. Ma cos’e’ un offerta? Tramite un’offerta un’enoteca dovrebbe far girare i vini che vuole far conoscere o quelli che fa fatica a vendere prima che vadano a male. OK. Ma prima che vadano a male, quando me li vendi devono essere ancora buoni, altrimenti non la chiamerei offerta, quanto piuttosto proprio una bella fregatura.. Provo altri vini, 2 su 3 sono di nuovo stanchi e vecchi come quelli in offerta. Ma allora il problema non erano le offerte, come li conservate questi vini?!?!?

Passo dal tipo che vende vini sfusi, semplici, niente di che, ma anche li’ riesco ad incavolarmi.. trovo un capello nel bicchiere!

Supermercato? Si, ma spesso quando compri vino al supermercato tutti i vitigni hanno un sapore omologato, finto, chimico.

Poi leggo un articolo dell’AIS che mi racconta di come il vino debba essere acquistato solo in enoteca, che la bottiglia deve essere toccata e soppesata… Ma fatemi il piacere, la bottiglia finché non la apri non sai cosa contiene, anche perché il sommelier di turno non è mica un produttore di vino.. (http://www.aislombardia.it/notizie/1377-enoteca-on-line-pro-e-contro.php) Io la penso cosi’, gli espertoni si offenderanno, ma non basta entrare in un’enoteca per ricevere un buon consiglio, casomai bisogna entrare in quella giusta..

C’è da dire che a Milano ci son talmente tante enoteche e wine bar che sicuramente il mio wine place aspetta solo d’essere scoperto, vediamo..

E comunque, per me l’unico modo sicuro per acquistare dei vini che non riservino brutte sorprese resta quello di visitare le cantine, assaggiare i vini ed acuistare quelli che per qualita’ e prezzo soddisfino le esigenze dell’appassionato. In cantina i vini vendono conservati bene, al fresco, in posizione orizzontale. In cantina i vini ti vengono raccontati, perché c’è sempre una storia dietro ad una bottiglia di vino su uno scaffale, anche se nelle enoteche spesso lo dimenticano, o peggio ancora, lo ignorano.

Certo che per visitare cantine ci vogliono tempo e denaro, soprattutto se si vive “fuori zona”. Voi se potete seguite il mio consiglio, vi risparmierete espressioni facciali di nausea e delusione al momento dell’apertura dell’ennesima bottiglia andata a male..

Ivano Martignetti

About these ads

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s